Annamaria Castellan nasce a Trieste. Fotografa e giornalista pubblicista, co-fondatrice dell’Associazione Cultura Viva e membro del direttivo del Circolo Fotografico Fincantieri – Wartsila, fonda nel 2002 l’Associazione Culturale Acquamarina, della quale è presidente, con lo scopo di e promuovere l’arte della fotografia in tutte le sue espressioni, attraverso esposizioni, manifestazioni, incontri e corsi di fotografia sia per adulti che per giovani e bambini. Si dedica in particolare alla divulgazione delle tecniche sperimentali Off-Camera promuovendo incontri e corsi di Alfabetizzazione all’immagine fotografica. Nel 2014 fonda, con Massimiliano Muner e Michela Scagnetti, il Festival FotografiaZeroPixel e capofila con l’Associazione Acquamarina.

Annamaria Castella ha iniziato la sua formazione in ambito artistico e fotografico frequentando l’Istituto Statale d’Arte di Trieste e il Master in Fotografia presso l’Istituto Europeo del Design di Milano con sede a Venezia, tenuto dai fotografi Silvia Lelli, Roberto Masotti, Saverio Lombardi Vallauri, Francesco Cito, Edward Rozzo, Francesca Brambilla, Sandro Scalia, Serena Serrani, Diego Diaz.

Nel 1978 è a Londra, dove ha modo di conoscere e frequentare il fotografo tedesco Patrick Trefz. Acquistata la sua prima reflex, una Zenith, inizia la sua attività di fotografa con il fotoreportage passando poi alla fotografia di paesaggio e natura. Si dedica al ritratto, specie quello femminile fine-art, mentre la sua ricerca in ambito espressivo, negli ultimi anni, si indirizza in senso astratto ed informale. Pur lavorando in digitale, dal 2004 fa ritorno alla fotografia ai sali d’argento, alle sperimentazioni Off-camera e alla cianotipia.

Negli ultimi anni partecipa in qualità di fotografa e partner con l’Associazione Acquamarina a progetti europei Erasmus+.

E’ stata docente di Tecniche fotografiche sperimentali in alcune scuola del Veneto e attualmente del Friuli Venezia Giulia.

Sue fotografie appartengono ad alcune collezioni pubbliche e private; sono state pubblicate su testate nazionali ed internazionali, su antologie e testi letterari, ed utilizzate da pubbliche amministrazioni in campagne pubblicitarie diffuse in tutto il mondo. Alcune immagini, cataloghi e il libro fotografico “Cielo” (edizioni Pulcinoelefante) sono conservati a Firenze nell’archivio della Fondazione Fratelli Alinari.

 

LINK

CONTATTACI

Grazie del messaggio, ti risponderemo al più presto!

Start typing and press Enter to search